loading...
foto 1
foto 2
foto 3
foto 4
foto 5
foto 6
foto 7
foto 8
foto 9
foto 10
foto 11
TIPOLOGIA DI PROGETTO
Mostra d'Arte Internazionale
VI BIENNALE D'ARTE INTERNAZIONALE
MONTE CARLO - Principato di Monaco

La VI Biennale d'Arte Internazionale a Monte Carlo 2014 si terrà nelle sale Bosio e Beaumarchais dell'Hotel de Paris dal 20 al 24 Giugno 2014.

La Biennale nasce con lo scopo di proporre sul mercato internazionale validi ed emergenti artisti contemporanei. Per l'Evento verranno selezionati e presentati per l'esposizione solo cento opere tra tutte le sezioni artistiche.

Dal progetto denominato "Infinito" verrà presentato il ritratto della Principessa Grace Kelly, acrilico su tela di formato 80x120. Il mondo continuerà a ricordare la principessa non solo per la sua bellezza senza tempo, ma anche per il suo temperamento esuberante e allo stesso tempo glaciale, che contribuì a influenzare l’immaginario collettivo anche in ambito culturale. Grace ispirò la sensuale Eva Kant, apparsa per la prima volta nel 1963, nel celebre fumetto ‘Diabolik’. A quasi più di trent’anni dalla sua morte, il ricordo della “principessa di ghiaccio’” continua a essere molto forte e il suo stile e la sua eleganza fanno ancora oggi sognare tante giovani donne.

organizzazione
GALLERIA D'ARTE LA TELACCIA by Malinpensa (TO)

patrocinio
Ambasciata Italiana nel Principato di Monaco

giuria
Patrick Bartoli (Galleria d'Arte Bartoli-Marsiglia)
Ermanno Corti (Critico d'Arte)
Ito De Rolandis (Giornalista e Critico d'Arte)
Monia Malinpensa (Gallerista e Critico d'Arte)
Domenico Minieri (Collezionista)
Lorella Pagnucco Salvemini (Editore e Direttore Responsabile Artein)
Giuliana Papadia (Gallerista)

Racconto a più voci.

di Myriam Zerbi

L'Arte? Può anche essere un sogno tra il blu del mare punteggiato di yachts, il cielo azzurro della Costa attraversato da bianchi voli di gabbiani e di elicotteri, un clima da favola che promette trecento giorni di sole l’anno e il glamour delle mille luci e delizie di Monte Carlo, nel Principato dove sfilano abiti di diamanti neri e dove non fanno notizia le Ferrari, le Jaguar e le Rolls Royce che girano in Place du Casino.

Proprio nel cuore della città-stato più d’élite del mondo, all’Hôtel de Paris, l’albergo Belle Époque che si presenta, sin dalla sua creazione (1863), come emblema di lusso, eleganza e piacere e si fregia di ospitare il gotha della mondanità e dell’esclusività nei mondi dell’arte, della politica e dello spettacolo, si tiene, nelle sale Bosio e Beaumarchais, dal 20 al 24 giugno 2014, la sesta edizione della Biennale Internazionale d’arte, ideata e promossa da La Telaccia by Malinpensa Galleria d’Arte di Torino e realizzata con il patrocinio dell’Ambasciata d’Italia nel Principato di Monaco.

“L’arte è una passione che ho sempre respirato in famiglia; la galleria che dirigo, fondata nel 1972 da mia madre Giuliana Papadia, ha compiuto 42 anni”, dice Monia Malinpensa, cresciuta, come dicono di lei, “a pane e arte”.

Obiettivo della prestigiosa kermesse è promuovere la creatività di artisti emergenti, da far conoscere a un pubblico cosmopolita e ai collezionisti d’arte contemporanea, nella sofisticata vetrina di Monte Carlo, attraverso opere che, utilizzando la pittura (grande protagonista della rassegna), la scultura, la grafica, la fotografia, la digitalo computer art, dando vita a un racconto a più voci che inventa luoghi, gentili situazioni e intreccia tracciati di conversazioni tra lavori diversi per argomenti, tipologie, tecniche, tendenze. Astratto, figurativo, materico non sono che categorie entro le quali poter incasellare una definizione: “le opere devono trasmettere emozioni”, afferma la Malinpensa, e la Biennale, nel continuo incrocio di percorsi artistici, ricerche espressive e sperimentazioni di materialie tecniche, diviene occasione ideale per un creativo incontro di identità.

“Occorrono due anni per fare le selezioni per la mostra. La giuria, composta di storici dell’arte, galleristi, collezionisti, giornalisti ed editori internazionali, ha analizzato e vagliato quest’anno le 2.300 adesioni giunte”, spiega la curatrice della rassegna, “per approdare alla scelta di 65 artisti provenienti, oltre che dall’Italia, dagli Stati Uniti, dall’Irlanda, dall’Inghilterra, dalla Spagna e dalla Francia, dalla Germania e dalla Svizzera, come dall’Albania e dalla Repubblica Ceca”.

Le opere in mostra riempiono di energia gli spazi eleganti dell’Hôtel de Paris con rimbalzi, contrasti e rimandi che, dando forma alle emozioni e mettendo in atto dinamiche trasversali disegni e significati, muovonoi pensieri del visitatore guidandolo tra le variegate sfaccettature che produce l’esperienza della bellezza. Non manca un pizzico di ironia in questo sguardo sulmondo, nella certezza che riluce in un detto di Henry Miller: “L’arte non insegna niente, tranne il senso della vita”.

© 2014 MARIANO GIGLI Design Consultant - All rights reserved
00138 Roma - Via Ortignano 51 - P.I. 08010111006
The Bureau of European Design Associations